Al CREM “Il bruco” di Alfonsine sono tornati i bambini: quanto ci siete mancati!

Gestione imprenditoriale dei servizi sociali in modo trasparente, democratico, innovativo e solidale.

Al CREM “Il bruco” di Alfonsine sono tornati i bambini: quanto ci siete mancati!

Il 22 giugno 2020 sono partiti i centri Estivi dell’Unione della Bassa Romagna per i bambini dai 3 ai 6 anni. Data Storica!

Al Crem Il Bruco, i bambini sono arrivati preparati, come se sapessero quello che avrebbero trovato: un bel gruppo di lavoro che aveva tanta voglia di stare con loro…finalmente i bambini.

Sorridenti, belli come sempre, con quella luce negli occhi dove ti rispecchi per la loro tanta gioia di essere lì in attesa degli altri bimbi con cui scambiare un sorriso, un gioco, un pensiero tenuto dentro per tanti mesi. I bambini finalmente! Anche se in piccoli gruppi, li vedi giocare, come solo loro sanno fare, con competenza ed entusiasmo da vendere. Ogni tanto qualcuno va verso l’altro gruppo in giardino, chiama un amico, un’amica, si scambiano parole, gioie e sorrisi, poi ritornano nel gruppo a loro destinato.

Quanta saggezza nei loro gesti. Per me è stato educativo osservarli: quanto sapere nelle loro azioni, sicuri, competenti, quanto ci dobbiamo innalzare per arrivare a loro. C’è chi ti racconta degli amici dell’altro gruppo, chi ti coinvolge nel loro gioco mai scontato, sempre originale, unico.

Che bello bimbi, c’erano un po’ di timori da parte di tutti, normale. Ma sono i bambini stessi che hanno spazzato via ogni pensiero preoccupante. Che bello veder tornare i bambini a riprendersi i loro spazi sociali, come quando a primavera tornano le rondini, tutto rinasce. Tutto torna a vivere, perché i bambini sono l’essenza del creato, la nostra ragione per diventare migliori, per fare le giuste scelte in materia di ecologia, riscaldamento globale, inquinamento dell’ambiente, rispetto della natura.

Non c’è più tempo, guardandoli giocare finalmente, mi sono detta una volta di più: non possiamo più aspettare, rallentiamo per correre insieme a loro. Ascoltiamoli.

Vania Franceschini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *