Progetti innovativi

Gestione imprenditoriale dei servizi sociali in modo trasparente, democratico, innovativo e solidale.

Laboratori intergenerazionali nei servizi per anziani

Negli ultimi anni, nella progettualità dei Servizi per Anziani e quella per minori, si è cercato di pensare a momenti d’incontro fra diverse generazioni con percorsi di accoglienza all'interno delle CRA di laboratori che favorissero lo scambio, l’integrazione con un lavoro basato sull'ascolto reciproco delle esperienze come strumento di arricchimento emotivo e di crescita.

La collaborazione con i Servizi per l’infanzia, l’adolescenza e la scuola hanno permesso l’avvio di percorsi nei quali gli anziani sono stati posti in un contesto di stimolazione cognitiva, “di sforzo a ripescare nei cassetti della memoria” e di sentirsi nella condizione di scoprirsi non solo bisognosi, ma in grado di dare e di essere di aiuto valorizzando le loro esperienze mettendole a confronto con quelle delle nuove generazioni.

Questi percorsi, che riteniamo una grande opportunità per entrambi i Servizi, sono diventati parte integrante della loro progettualità che intendiamo sostenere e ampliare perché possano essere uno strumento educativo e al tempo stesso riabilitativo sempre più mirato ai bisogni e alle esigenze dei singoli favorendone l’integrazione, la socializzazione e il senso di appartenenza che sostiene la coscienza civica.

Progetto CON-TATTO

L’emergenza sanitaria ha reso necessari provvedimenti di protezione che hanno limitato i contatti sociali. Ora la fase due permette l’accesso alle relazioni sociali per cui abbiamo ripensato la progettualità del centro giovani basandoci sulle attuali disposizioni e in particolare facendo riferimento alle “Linee guida per la gestione in sicurezza di opportunità organizzate di socialità e gioco per bambini ed adolescenti nella fase 2 dell’emergenza Covid-19” emanate il 15/05/2020 dal Dipartimento per le politiche della famiglia .

Il Free to Fly apre “CON-TATTO” alle relazioni e “CON-TATTO” all’accoglienza dei ragazzi delle scuole medie. CON-TATTO perché serve un nuovo approccio all’accoglienza e al trasmettere ai ragazzi il senso e la dimensione di gruppo essendo regolata, ancor più di prima da regole sociali, sanitarie e di relazione. Responsabilità, condivisione, attenzione, ascolto, confronto sono gli ingredienti per una ripresa della dimensione sociale. I ragazzi sono stati accompagnati dagli educatori con il progetto LOGIN a questa seconda fase e saranno accompagnati ora con il progetto CON-TATTO pur non chiudendo il precedente perché dà modo agli educatori e ai ragazzi di mantenere la relazione che viene supportata anche a distanza in modo tale che il remoto sia a tutti gli effetti uno strumento che permette l’accesso alle relazioni e come tale possa perseguire l’obiettivo del sostegno a distanza dei ragazzi.